mercoledì, settembre 23, 2009

Verso Udaipur

Partiamo in mattinata da Jhodpur dopo una notte caldissima senza aria condizionata e con il ventilatore che pareva staccarsi dal soffitto, effettivamente la Durag Niwas guesthouse é stata la peggiore fino ad oggi, unica nota positiva il wifi a sbafo.

In teoria sulla strada per Udaipur era prevista una sosta presso un tempio gianista, ma verificando meglio la cartina ci accorgiamo che il forte che avremmo dovuto visitare domani é a pochi chilometri dal tempio, quindi con grande gioia dell'autista inseriamo la tappa aggiuntiva e cosí ne é uscita proprio una bella giornata.



Il tempio Ranakpur é uno dei più belli dell'India, é completamente costruito in marmo scolpito, i soffitti sono sostenuti da 1444 colonne tutte scolpite con motivi diversi, l'atmosfera é veramente bella, a parte qualche turista di troppo. Finalmente lasciamo da parte il deserto, ora siamo sulle colline che in questo periodo sono verdi e rigogliose.



Dopo il tempio ci avviamo verso il forte di Kumbalgarh, la strada é bellissima: una corsia di asfalto rovinato lunga una ventina di chilometri su e giú per passi di montagna, sulla strada si attraversano diversi paesini, qui si vede proprio la vita rurale indiana.



Il forte all'interno non é un gran che, anzi non c'è niente, ma dal tetto della costruzione più alta la vista é magnifica;



il ricordo migliore del forte é la gara di scoregge che ho fatto con un gruppo di indiani saliti con noi. Salendo le scale mi é venuto lo stimolo, quando poi siamo arrivati sul tetto questi indianotti si mettono in un angolo all'ombra, io mi faccio un giro e mentre faccio una foto sento una "scoreggia in lungo", al che ci penso un attimo, mi guardo attorno per vedere che la Ross non fosse nei paraggi e VRRRROOOM... zó legna, uno scoreggione da iFart e giú tutti a ridere, ovviamente mi sono preso della bestia dalla Ross, ma é giusto cosí, lei non puó capire!

Finalmente arriviamo ad Udaipur, in guesthouse prendiamo una camera diversa da quella prenotata, perché questa é senza finestra, per 700 Rupie (11€) prendiamo la camera con balcone e vista sul lago, molto bella; non a caso si chiama Panorama guesthouse.

Per cena saliamo all ristorante dell'ultimo piano della guesthouse, nel menú vediamo la pizza e ci facciamo tentare, vista l'esperienza dell'altro giorno ed invecie ecco il primo neo della giornata: la pizza é dolce, non so da cosa dipendesse, la Ross schifata non vuole piú mangiare cosí io me le mangio tutte e due, tanto non mi fa schifo niente :-)

Decidiamo di fare due passi verso il forte e qui il secondo neo della giornata: la Ross viene investita da uno strano oggetto non identificato: uno sputo o una merda di uccello, sta di fatto che poverina aveva il morale a terra.

La sera, durante i 9 giorni di Navaratra, nei pressi dei templi e degli altarini disseminati per le città, vengono accese le luminarie e spesso ci sono feste con danze.


Vicino alla guesthouse veniamo attirati da dei canti e timidoni, ma curiosoni come siamo ci avviciniamo e scopriamo una specie di festa di borgata dove tutte le donne e le bambine ballavano al centro del cortile.



-- Post inviato da iPhone

Nessun commento: