domenica, settembre 27, 2009

Agra & Orcha

Oggi visita al monumento simbolo di un paese: il Taj Mahal. La giornata inizia prestissimo: alle cinque e un quarto siamo in piedi e alle sei meno venti siamo i primi davanti alla biglietteria dell'ingresso est. Tanto presto tanto male: appena fuori dalla porta dell'hotel incominciano a romperci i maroni per tuc tuc, cartoline, statuine e balle varie, ma dico io: non dormono, CAZZO?

Abbiamo deciso di andare prestissimo per visitare il Taj in pace con poca gente e alla luce dell'alba, ma il sogno di vedere pochi turisti svanisce subito: c'è già la fila per entrare. All'ingresso mi perquisiscono lo zaino, trovano le cuffie dell'IPhone e mi dicono che non sono ammesse e devo andare a portarle in un armadietto che vicino alla biglietteria, ad 1km di distanza, dal momento che ero giá scazzato glie le ho date e vaffanculo.



L'atmosfera é molto bella, con la nebbiolina che si dirada e il sole che sale, vaghiamo un po' scattando un sacco di foto; per farci fare una foto decente abbiamo chiesto a quattro persone; erano tutti indiani, gli metti la macchina i posizione, gli dici come ci metteremo noi e come dovrebbe essere e loro automaticamente si spostano e la fanno come cazzo gli tira: sempre con noi al centro che copriamo completamente il Taj; finalmente il quarto ci ascolta, c'è un motivo per cui andiamo sempre in giro con il cavalletto: siamo strani, ci piace a modo nostro.

Il Taj Mahal é un mausoleo all'interno del quale si trovano due tombe, circondato da un bellissimo giardino, essendo mussulmano no ci sono raffigurazioni umane o animali, solo decorazioni floreali e preghiere mmussulmane.






Dopo il Taj andiamo al forte di Agra, secondo me non c'è gran ché da vedere, ha solo un bel parco.



Dopo il forte partiamo per Orcha, un viaggio che sembra non finire mai, non riesco a stare sveglio.
Arriviamo tardissimo, in hotel dopo che non sono riusciti a convincerci a prendere una camera al posto della tenda che avevamo prenotato, ci danno una camera comunque perché saremmo stati gli unici nelle tende e non hanno personale della sicurezza per la zona delle tende.

Usciamo per andare al forte, ma non entriamo perché la Ross si incazza quando ci chiedono 25 rupie per ogni macchina fotografica oltre alle 250 a persona, quindi facciamo un giro per la cittadina e nei vari templi quasi disabitati, non sono male: hanno un loro fascino.



Sono molto belle le polveri colorate che vendono nelle bancarelle, in occasione della fine della festività. Oggi é l'ultimo giorno e per le strade si iniziano a vedere i carretti carichi di persone e della statua di Rama, che vanno verso i centri sacri per poi gettare le statue nel fiume o lago che sia.



Dopo i due passi al rientro in hotel ci facciamo un bagnetto in piscina, meritato direi, vista la giornata.
Cena al ristorante vagamente italiano dove la Ross si spara una bruschetta all'aglio e garlic nan con risultato di fiatella spietata, io per non essere da meno mi faccio una "indian style pizza" con cipolla, peperoni, peperoncino e aglio = bella coppia anti vampiro!

-- Post inviato da iPhone

Nessun commento: